AI news: il portale di approfondimento sul mondo dell'intelligenza artificiale

Paolo Marinoni 1 Luglio 2022

6 minuti

Il mercato dell’intelligenza artificiale è in crescita

Il mercato dell’intelligenza artificiale risulta in forte espansione e, sia a livello statale che a livello europeo, si sta lavorando perché questo trend possa proseguire. Gli sforzi sono sufficienti? 

L’intelligenza artificiale fa ormai parte delle nostre vite e ci accompagna e sostiene in diversi ambiti, nella quotidianità personale così come sul posto di lavoro. Non è dunque una sorpresa che il mercato dell’AI sia in forte crescita e che lo sarà – con tutta probabilità – anche nei prossimi anni.  

Numerose aziende stanno infatti investendo nello sviluppo di modelli e tecnologie in grado di automatizzare i più svariati processi, da quelli decisionali a quelli produttivi. Ma anche i professionisti si stanno dotando di programmi utili all’elaborazione accurata di molte informazioni in tempi molto rapidi.   

I numeri relativi al mercato dell’intelligenza artificiale 

Quello dell’AI è quindi uno dei mercati che sta vivendo un’espansione e una crescita significative e presto potrebbe diventare uno dei più rilevati.  

Secondo quanto emerge dall’analisi di Fortune Business Insights, infatti, il valore del mercato dell’intelligenza artificiale nel 2021 è stato valutato a 328.34 miliardi di dollari. Si stima invece che il giro di affari globale legato all’intelligenza artificiale, nell’anno in corso, sarà quantificabile in 387.45 miliardi di dollari. La cifra è poi destinata a crescere a 1.39 trilioni entro il 2029.  

Nel nostro Paese, invece, il mercato dell’AI nel 2021 ha toccato quota 380 milioni di euro, crescendo del 27% rispetto all’anno precedente. Nel 76% dei casi, l’investimento è stato commissionato da società italiane (circa 290 milioni di euro). Per il restante 24%, si è trattato invece di export di progetti (90 milioni di euro). Sempre in Italia, però, si assiste a un divario tra le grandi aziende e le piccole e medie imprese. Tra le prime, infatti, il 60% ha attivato almeno un progetto legato all’AI, mentre, delle seconde, solo il 6%.  

I progetti che attirano maggiormente gli investimenti, inoltre, sono:  

Il Programma italiano sull’intelligenza artificiale 

L’Italia ha adottato, alla fine del 2021, il Programma Strategico per l’Intelligenza Artificiale 2022-2024. Come riportato sul sito del Ministro per l’innovazione tecnologica e l’innovazione digitale, “il Programma delinea ventiquattro politiche da implementare nei prossimi tre anni per potenziare il sistema IA in Italia, attraverso creazione e potenziamento di competenze, ricerca, programmi di sviluppo e applicazioni dell’IA”.  

bandiera italiana

Le politiche definite nel documento si pongono come obiettivo la trasformazione del nostro Paese in un “centro sull’intelligenza artificiale competitivo a livello globale”. Ciò attraverso iniziative orientate ad attrarre in Italia i migliori ricercatori e a investire nella formazione dei talenti nostrani. Tra queste, l’aumento del numero di dottorati offerti e la promozione di corsi e carriere nelle materie STEM (science, technology, engineering and mathematics) e in quelle legate al digitale e all’AI.

Un altro obiettivo è il rafforzamento dell’ecosistema di ricerca nell’AI, favorendo le collaborazioni tra il mondo accademico e altri ambiti, come l’industria, gli enti pubblici e, in genere, la società.  

Infine – e si tratta dell’area di intervento più direttamente connessa al mercato dell’AI nel nostro Paese – il Programma prevede “politiche volte ad ampliare l’applicazione dell’IA nelle industrie e nella pubblica amministrazione. Il Governo cerca dunque di appoggiare la cosiddetta transizione 4.0, favorendo la nascita e la crescita di imprese innovative nel campo dell’intelligenza artificiale, supportandole nella sperimentazione e nella certificazione di prodotti AI.  

Gli sforzi a livello europeo 

Anche l’Unione europea sta puntando sull’intelligenza artificiale. È dello scorso anno il Coordinated Plan on Artificial Intelligence 2021, che si pone come il prossimo passo nella creazione di una leadership europea a livello mondiale nello sviluppo e nella governance dell’AI.  

bandiera ue

Il documento – che consolida una collaborazione tra la Commissione e gli Stati membri, culminata nell’ultimo Piano Coordinato del 2018 – delinea una strategia orientata ad accelerare gli investimenti in tecnologie di intelligenza artificiale, ad agire al più presto relativamente alle strategie e ai programmi europei di settore e ad allineare e armonizzare le policy sull’AI dei singoli Stati al fine di superare l’attuale frammentazione.  

Questi sforzi vanno di pari passo con la Proposta di Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio avanzata nell’aprile 2021, con cui si tenta di regolamentare in maniera uniforme – o perlomeno compatibile – questioni importanti nel campo dell’AI (come, per esempio, il tema della responsabilità).  

Il futuro del mercato 

Il mercato dell’intelligenza artificiale è dunque in costante crescita. Perché questo trend diventi sempre più positivo, è quindi necessario che i legislatori creino un ambiente favorevole allo sviluppo e all’espansione delle tecnologie. Sia a livello statale che a livello sovranazionale. Per quanto i loro sforzi sembrino in linea con gli obiettivi delineati, pare che, in Europa, le proposte di regolamentazione non vengano discusse e attuate tanto speditamente quanto in altre aree del mondo.  

L’espansione non può però essere priva di regolamentazione. L’Italia e l’Unione europea devono dunque affiancare a politiche pensate per lo stimolo della crescita anche regole – il più possibile coordinate – in grado di governare il fenomeno e di prevenire alla radice potenziali problemi applicativi.  


Articoli simili

L'intelligenza artificiale, con la computer vision e il deep learning, semplifica la gestione e il tracciamento dei bagagli in aeroporto.
8 Agosto 2022

L’AI viene utilizzata in numerosi settori e sostiene i lavoratori. Quali sono, però, i rischi per il lavoro? E quali sono i suoi limiti? 
28 Giugno 2022

Molti sono i vantaggi dell’AI nell’ambito della pubblica amministrazione, ma quali rischi si celano dietro questa tecnologia?
13 Giugno 2022

L’AI risulta molto utile nel mondo del lavoro e nel recruiting. Ma possono i vantaggi compensare i suoi potenziali rischi occupazionali?
30 Maggio 2022

Gli AI trainer sono essenziali per addestrare i sistemi di intelligenza artificiale. Ma di cosa si occupano esattamente?
20 Maggio 2022