L’intelligenza artificiale nei film: la storia e i timori di un ‘AI takeover’

Paolo Marinoni 13 Aprile 2022

8 minuti

L’intelligenza artificiale è stata rappresentata nei film talvolta come un’alleata, altre volte come una minaccia per il genere umano. L’evoluzione ha influenzato la percezione sociale di questo tipo di tecnologia e, talvolta, ha anche spinto al progresso.

L’intelligenza artificiale, negli ultimi decenni, è stata protagonista e antagonista di numerosi film più o meno realistici, che l’hanno dipinta in svariati modi: ottimisticamente così come con preoccupazione e riserve.

Ciò che in passato era fantascientifico rappresenta ora un possibile o probabile sviluppo della nostra società e delle tecnologie che tutti noi abbiamo imparato a conoscere, nella nostra vita personale tanto quanto sul luogo di lavoro.  

L’AI nella storia del cinema

L’AI è stata rappresentata nei film in diversi modi e la sua evoluzione è molto particolare.

Quella che da molti viene ritenuta la prima rappresentazione cinematografica dell’intelligenza artificiale risale infatti al 1927, con il film muto “Metropolis”, diretto da Fritz Lang. Il film, ambientato nel 2026 – a cento anni dalla sua produzione – nella megalopoli Metropolis, vede per la prima volta la comparsa di androidi dalle sembianze umane. Maria-robot, esteticamente uguale alla vera Maria (umana), riesce a confondere chi si rapporta con lei, ma, essendo stata programmata dal professor Rotwang al solo scopo di portare gli operai alla ribellione, la sua capacità “cognitiva” risulta limitata.  

Poi, con “Ultimatum alla Terra” – film del 1951 diretto da Robert Wise – si notano i primi tentativi di una rappresentazione della robotica e dell’intelligenza artificiale. Il robot Gort e l’esercito di automi presenti nella pellicola portano infatti a intravedere un mondo in cui delle macchine autonome e in grado di “pensare” potrebbero assoggettare l’umanità. La diffidenza degli umani nei confronti di questi risulta molto attuale.

Successivamente, nel film del 1968 “2001 Odissea nello Spazio” appare il supercomputer intelligente HAL9000, dotato di computer vision, capacità di comprensione del linguaggio naturale (anche attraverso la lettura del labiale) e persino di sentimenti. Una rappresentazione che, seppur datata, mostra una certa visione al futuro, in parte già realizzatasi.  

Anche “Westworld” (1973) tratta classicamente il tema dell’intelligenza artificiale, rappresentando in parte la paura relativa alla possibilità che le macchine possano avere il sopravvento, ma in questo film è presente un ulteriore elemento: l’interazione emotiva tra robot e esseri umani. Nel film “Tron” (1982) si tratta poi di una realtà virtuale estremizzata e si conferiscono al sistema delle caratteristiche non più fantascientifiche se si considerano le potenzialità delle tecnologie di oggi in tema di cybersecurity. Degli androidi organici intelligenti sono inoltre i protagonisti del film “Blade Runner”, uscito nello stesso anno, e i cyborg popolano la visione del film “Terminator” (1984).

Sarà poi “Corto Circuito” (1986) a rappresentare un robot capace di passare da uno stadio di intelligenza artificiale ristretta a uno di super intelligenza attraverso un processo di autoapprendimento. Un’evoluzione che si accompagna a un messaggio interessante: l’intelligenza artificiale e i robot sono uno strumento tecnologico di per sé neutro, che può risultare positivo o negativo a seconda delle intenzioni dei loro creatori umani.

“Ghost in the Shell”, manga (1989) e film d’animazione giapponese (1995), divenuto poi un film d’azione nel 2017, rappresenta inoltre androidi, cyborg e una super intelligenza artificiale auto-cosciente. Altri film degni di nota: Matrix (1999) rappresenta una super intelligenza artificiale che tiene in ostaggio l’umanità e in cui si ritorna ad affrontare il tema etico degli effetti dell’AI sugli esseri umani; “AI Intelligenza Artificiale” (2001), film dal titolo molto chiaro e in cui si tratta di robot umanoidi in grado di provare emozioni; “Minority Report” (2002), include poi il tema delle indagini predittive tramite AI, oggi (quasi) realtà; “Io, Robot” (2004), che conduce il pubblico a porsi domande sulla linea di demarcazione tra robot ed esseri umani; “Guida galattica per autostoppisti” (2005), in cui robot e software AI coesistono e si rapportano con gli esseri umani; e il film d’animazione “WALL-E” (2008).

Più di recente, “Her” (2013) ha rappresentato tecnologie oggi in rapida evoluzione, come il concetto di Internet of Things e gli assistenti vocali, in grado di adattarsi alle esigenze degli specifici utenti e capaci di comprendere contestualmente il linguaggio naturale. Il protagonista del film, Theodore, sviluppa inoltre una relazione umana assimilabile all’amore con l’assistente vocale Samantha, un aspetto che mette in luce l’attaccamento emotivo che le persone potrebbero sviluppare nei confronti di oggetti tecnologici inanimati, ma dalle caratteristiche “umane”.

Il film “Transcendence” (2014) affronta poi la questione della singolarità tecnologica, momento in cui l’AI potrà evolvere sé stessa senza avere bisogno dell’uomo. “Ex Machina” (2015) è riuscito inoltre a rappresentare a tutto tondo l’intelligenza artificiale, trattando di molteplici ambiti, come la robotica, l’autoapprendimento, internet, i social, gli assistenti virtuali e la realtà virtuale e aumentata. “Blade Runner 2049” (2017) vede invece un’intelligenza artificiale olografica e la commedia “Free Guy” (2021) rappresenta personaggi di un videogioco che sviluppano autocoscienza.

Infine, arriviamo al film “B” che vedrà come protagonista una vera attrice robot, Erica, realizzata da scienziati giapponesi. Uno sviluppo interessante che rappresenterà un primato per l’ambito cinematografico.

L’AI nella produzione dei film

Recentemente, si sta assistendo a un passaggio verso un’AI sempre più presente anche all’interno della produzione di opere cinematografiche, tra effetti speciali e sequenze realizzate digitalmente.

Si pensi, inoltre, all’utilizzo dell’intelligenza artificiale per la scrittura di copioni, la creazione dei personaggi, la promozione dei film, l’editing e la scrittura dei sottotitoli. Compiti semplificati da sistemi automatici che rendono la produzione molto più veloce e che permettono di risparmiare e guadagnare anche in termini economici, con l’uscita di un numero maggiore di film in tempi più brevi e con il potenziale taglio delle spese per le risorse umane oggi utilizzate per l’esecuzione di compiti che potrebbero essere presto – parzialmente o completamente – automatizzati.  

Percezione sociale, futuro distopico e spinta al progresso

La rappresentazione dell’intelligenza artificiale nei film si è dunque evoluta negli anni, a partire dal 1927 fino a oggi. Inizialmente, i film che trattavano del tema non facevano altro che rappresentare pura fantascienza, realtà impossibili che permettevano al pubblico di viaggiare con la fantasia. A un maggiore progresso tecnologico è poi corrisposta una maggiore preoccupazione, soprattutto alla luce degli scenari distopici presentati dai film, specialmente a partire dagli anni ‘70/’80.

Il timore di un “AI takeover” (sopravvento dell’intelligenza artificiale) è poi divenuto progressivamente più preoccupante, soprattutto notando come finzione e realtà sembrano sovrapporsi e intrecciarsi sempre di più. Lo sviluppo della società influenza il cinema così come le sceneggiature più visionarie hanno influenzato lo sviluppo tecnologico nella vita reale. Si tratti di un ciclo continuo di influenza e ispirazione reciproca.

Per quanto l’AI non sia oggi in grado di prendere il sopravvento, diverse personalità del settore tecnologico – come Bill Gates, Elon Musk e Jeff Bezos – hanno comunque espresso preoccupazione in merito alle sue possibili applicazioni. Tra queste, soprattutto quelle in ambito militare. Applicazioni che alimentano il sentimento popolare di un pubblico che, entusiasta dell’innovazione, non può però evitare di provare una certa preoccupazione.

Le potenzialità dell’intelligenza artificiale sono quindi numerosissime, sta agli esseri umani mitigare i possibili rischi, molti dei quali sono stati evidenziati più o meno realisticamente in molte produzioni cinematografiche nel corso dell’ultimo secolo.


Articoli simili

Il widget Text to Pokémon, basato sul modello generativo Stable Diffusion di Stability AI, permette di trasformare chiunque in un animaletto della Nintendo.
11 Ottobre 2022

Uno youtuber inglese ha clonato virtualmente il suo co-host e ne ha utilizzato l’avatar per diverse applicazioni. La ‘facilità’ di realizzazione di un deep fake…

Molte sono le applicazioni dell'intelligenza artificiale nel mondo del cinema, dall'animazione alla clonazione vocale. L’AI permette quindi ai registi di sviluppare al meglio idee e…
16 Settembre 2022

I tessuti smart sono materiali intelligenti usati nel settore fashion, ma anche per la prevenzione degli infortuni sul lavoro.
17 Agosto 2022

Molte serie tv hanno rappresentato il tema dell’intelligenza artificiale. Queste 10 sono tra le più amate dal pubblico.
26 Luglio 2022

In Evidenza


Cosa sono i Big Data? 

I nostri dati vengono continuamente raccolti e rappresentano un asset…

I reati nel metaverso: quali possono essere commessi? 

I reati possono essere commessi anche nel metaverso e questi…

Il chatbot di Google è realmente senziente?

Un ingegnere di Google ha dichiarato che il modello conversazionale…

Come si crea un algoritmo di machine learning?

Lo sviluppo di un algoritmo di machine learning è un…

Il timore di un AI takeover: opinioni e prospettive future

Dalla finzione alla realtà. Il timore di un AI takeover…