AI news:

il portale di approfondimento sul mondo dell'intelligenza artificiale

AI news: il portale di approfondimento sul mondo dell'intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale applicata alla scrittura e nel giornalismo

intelligenza artificiale giornalismo

L’AI è oggi in grado di assistere gli esseri umani nella produzione di contenuti testuali e articoli giornalistici. Arriverà mai a sostituirli completamente?  

Tra programmi di analisi dei dati, applicazioni per l’assistenza alla scrittura e software utilizzati per la produzione di veri propri articoli, il mondo del giornalismo è cambiato e sta continuando a evolversi a un passo velocissimo.

La tecnologia – e soprattutto quella basata sull’intelligenza artificiale – sta dunque cambiando le modalità di lavoro delle testate e dei loro giornalisti. L’ormai preponderanza dell’informazione online spinge infatti le redazioni a orientarsi sempre di più verso la produzione di contenuti online in tempo reale.

L’intelligenza artificiale e la scrittura

L’AI si sta rivelando sempre più in grado di produrre contenuti così come di sostenerci nella scrittura, migliorando la nostra ortografia, la sintassi, riducendo le ripetizioni e proponendoci il lessico più adatto a ogni contesto. Un plug-in molto conosciuto è, per esempio, Grammarly.

Le applicazioni dell’AI nell’ambito della scrittura sono molteplici e tra i settori che più utilizzano questa tecnologia c’è sicuramente quello del marketing. Ha infatti spiegato Vipul Vyas, vicepresidente senior della strategia verticale di Persado:

“Cerchiamo di capire in che modo il linguaggio influenza il comportamento e quali componenti del linguaggio evocano emozioni e creano azione. Invece di lavorare partendo da un’intuizione di ciò che pensiamo funzionerà, la nostra tecnologia consiste nello sfruttare le esperienze di milioni di persone”.

L’algoritmo di Persado scompone infatti il testo in diverse componenti: formattazione, appeal emotivo e invito all’azione. Utilizzando un database di parole e frasi, il sistema genera molte varianti del messaggio che si vuole trasmettere. Poi, in base a ciò che l’algoritmo ha appreso nelle campagne precedenti, questo restringe le opzioni a un numero limitato e le testa attraverso l’invio di email a un piccolo gruppo di destinatari. La variazione di poche parole fa dunque la differenza e ciò è stato confermato dallo stesso Vyas, che ha dichiarato come i messaggi generati dalla tecnologia funzionino meglio di quelli creati dagli esseri umani il 96% delle volte.

L’intelligenza artificiale e il giornalismo

L’intelligenza artificiale viene utilizzata molto anche nel campo del giornalismo, tanto nel reperimento delle fonti, quanto nell’analisi dei dati, così come – e specialmente – per la scrittura (più o meno autonoma) degli stessi contenuti finali.

L’AI può inoltre sostenere i giornalisti nell’esecuzione di compiti meramente meccanici, come nella trascrizione di interviste audio e video, o inviando segnalazioni qualora ci fossero anomalie nei big data analizzati. Per quanto anche l’AI possa essere pregiudicata dai bias, questa può comunque aiutare i giornalisti a mantenere i loro contenuti (relativamente) oggettivi, limitando le letture soggettive della realtà.  

Associated Press (AP), per esempio, è stata una delle prime organizzazioni giornalistiche ad adottare l’intelligenza artificiale in diverse fasi della sua ‘produzione’ di notizie. L’AI aiuta infatti AP, tra le altre cose, nel reperimento delle notizie, analizzando i social media attraverso l’utilizzo del natural language processing. L’intelligenza artificiale contribuisce poi alla produzione di articoli più o meno autonomamente, sfruttando tecnologie capaci di riassumere le notizie, trascrivere contenuti multimediali anche in tempo reale e scrivere semplici articoli partendo da poche parole chiave, permettendo così ai giornalisti di focalizzarsi su temi più complessi. Inoltre, AP si avvale di varie tecnologie – basate anche sulla computer vision – per la distribuzione dei contenuti di informazione. Il riconoscimento delle immagini permette infatti di creare un sistema di tagging che rende più agevole anche l’accesso ai contenuti di interesse.  

Gli AI anchors nel giornalismo televisivo

Una nuova frontiera è data poi dallo sviluppo e dall’adozione, da parte di alcuni media, di giornalisti AI, entità umanoidi virtuali che si occupano della lettura delle notizie.

Il primo AI anchor al mondo è stato infatti presentato alla fine del 2018 dall’emittente cinese Xinhua.

Successivamente, l’organizzazione ha lavorato sulla naturalezza dei movimenti del ‘giornalista’ e ne ha presentato una nuova versione.

Nel 2019, è stato poi il turno della prima AI anchor ‘donna’ al mondo.

Lo sviluppo della tecnologia utilizzata potrebbe dunque portare diverse emittenti a considerare l’adozione di entità simili, che, per quanto costose, potrebbero garantire un risparmio in termini economici a lungo termine, con la riduzione delle risorse umane.

L’AI potrà veramente sostituire gli scrittori e i giornalisti in carne e ossa?

La sostituzione dell’uomo da parte dell’intelligenza artificiale negli ambiti della scrittura e del giornalismo potrebbe però non essere così vicina. Mentre in alcuni ambiti l’intelligenza artificiale risulta molto efficiente e il suo lavoro estremamente preciso e credibile, in altri – soprattutto quando i testi devono includere un certo stile personale o quando si tratta di articoli di opinione – l’apporto umano risulta ancora indispensabile. Sicuramente, anche i giornalisti che si occupano dei temi più complessi e di più difficile trattazione possono avvalersi dell’intelligenza artificiale per semplificare e automatizzare determinate fasi del loro lavoro, ma, soprattutto per questi, la prospettiva di una loro sostituzione totale da parte delle macchine risulta oggi impensabile.

Il lavoro di quegli scrittori di contenuti che si limitano a elaborare meccanicamente delle parole chiave per sviluppare un testo più articolato può essere replicato da un software, ma difficilmente la tecnologia potrà sostituire un giornalista che produce contenuti approfonditi e analisi o interpretazioni di sostanza. Il giornalismo, d’altronde, richiede l’esposizione di fatti letti da diverse angolazioni e la presentazione di vari punti di vista, mentre le macchine si limitano a riportare dati e fatti, per quanto variegatamente rielaborati sintatticamente.

È quindi probabile che le macchine sostituiranno gli esseri umani nella creazione di report di routine, promemoria, riassunti o articoli sviluppati da parole chiave, ma gli scrittori e i giornalisti possono per ora stare tranquilli. La creatività e l’unicità dello stile e del pensiero umano rimangono oggi inaccessibili all’intelligenza artificiale e, attualmente, il ruolo dell’AI è limitato a una posizione di assistenza o di sostituzione parziale in compiti meramente meccanici.